Leggere è un mestiere

Il primo fu Andersen, Hans Christian, ovvio: in prima elementare ci sono andata avendo già nel cuore la Sirenetta (e mal me ne incolse poi, ma vabbè).

Poi ci fu Jo March e le sue sorelle, le Piccole Donne per le quali cominciò a radicarmisi in mente l’idea di scrivere. Per tenere fede alla mia promessa a Jo, sono sfilati quasi 40 anni da cronista e deskista, dall’offset ai social (e non sono ancora finiti, perché quando vedi che c’è una storia da raccontare, il lavoro del giornalista prende il sopravvento su tutto).

E poi, i libri. Mi piace indagare la storia appena dietro di me, da cronista che racconti, con il respiro che ti garantisce qualche decennio messo tra te e i fatti che vuoi raccontare: fatti che non sono sempre chiari, persone che non hanno avuto la voce per raccontarsi e dire la loro, semplicemente fatti, luoghi e nomi che devono avere il loro posto nel mondo.

Per questo scrivo, per questo continuerò a farlo.

Ci sono sempre lavori in corso.

C’è sempre un mondo da raccontare.

Un po’ lo farò anche qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: